Verbi riflessivi

0

 

Studia questi esempi:

 

La mamma lava i piatti

La mamma si lava

 

Qual è la differenza tra le due frasi?

Nella prima frase la mamma lava qualcosa (i piatti), nella seconda frase la mamma lava se stessa.

 

Quando l’azione è rivolta verso se stessi, si usano i verbi riflessivi.

L’infinito di questi verbi finisce con -si ( lavarsi, mettersi, vestirsi).

I verbi riflessivi si coniugano come i verbi normali in -are,  -ere, -ire, ma sono preceduti dai pronomi riflessivi (mi, ti, si, ci, vi, si)

 

LAVARSI

mi lavo

ti lavi

si lava

ci laviamo

vi lavate

si lavano

 

METTERSI

mi metto

ti metti

si mette

ci mettiamo

vi mettete

si mettono

 

VESTIRSI

mi vesto

ti vesti

si veste

ci vestiamo

vi vestite

si vestono

 

Alla mattina mi lavo i denti

Mio marito si fa la barba tutti i giorni

Luisa e Luca si preparano per il matrimonio

 
Solitamente sono riflessivi i verbi che riguardano le azioni di routine quotidiana  (svegliarsi, alzarsi, lavarsi, farsi la doccia, vestirsi, mettersi le scarpe, pettinarsi, truccarsi, farsi la barba, addormentarsi…) e i verbi che indicano emozioni (arrabbiarsi, divertirsi, innervosirsi, annoiarsi, spaventarsi…).

 

Per formare il passato prossimo dei verbi riflessivi si usa sempre l’ausiliare essere + il participio passato del verbo concordato (maschile/femminile, singolare/plurale)

 

Mi sono lavato/a

Ti sei lavato/a

Si è lavato/a

Ci siamo lavati/e

Vi siete lavati/e

Si sono lavati/e

Matteo si è lavato ieri sera

Anna si è lavata questa mattina

Matteo e Anna si sono svegliati alle 7.00

Anna e Carla si sono svegliate alle 7.00

 

Argomenti correlati: Verbi riflessivi – esercizi

 

Prof. Martina italianonline@hotmail.it

 

Post a Reply